LISUG

Lisug, Libero Sindacato Ufficiali Giudiziari

Sei in

Contabilità
AGENZIA ENTRATE

PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. Modalità di effettuazione delle ritenute alla fonte per le somme liquidate.

09.03.2011
Invia questo articolo via email segnala ad un amico

PIGNORAMENTO PRESSO TERZI. Modalità di effettuazione delle ritenute alla fonte per le somme liquidate.

L’articolo 21, comma 15, della legge 27 dicembre 1997, n. 449, modificato dall’art. 15, comma 2, del DL 1 luglio 2009, n. 78, convertito in legge 3 agosto 2009, n. 102, stabilisce che “Le disposizioni in materia di ritenute alla fonte previste nel titolo III del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600 e successive modificazioni, nonché l’articolo 11, commi 5, 6, e 9 della legge 30 dicembre 1991, n. 413, devono intendersi applicabili anche nel caso in cui il pagamento sia eseguito mediante pignoramento anche presso terzi in base ad ordinanza di assegnazione, qualora il credito sia riferito a somme per le quali, ai sensi delle predette disposizioni, deve essere operata una ritenuta alla fonte. In quest’ultima ipotesi, in caso di pagamento eseguito mediante pignoramento presso terzi, questi ultimi, se rivestono la qualifica di sostituti d’imposta ai sensi dell’articolo 23 e seguenti del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, devono operare all’atto del pagamento delle somme la ritenuta d’acconto nella misura del 20per cento, secondo modalità stabilite con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate”. In sostanza, l’art. 15, comma 2, del D.L. 1 luglio del 2009, n. 78, integrando la disposizione di cui all’articolo 21, comma 15, della legge 27 dicembre 1997, n. 449, ha specificato che, in caso di somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi, la ritenuta, ove prevista, deve essere effettuata dal soggetto erogatore che rivesta la qualità di sostituto di imposta, con un’aliquota pari al 20 per cento, rinviando, per le modalità di attuazione, alla emanazione di un successivo provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate.

CIRCOLARE N. 8/E - Direzione Centrale Normativa - Roma, 2 marzo 2011

111.4 Kb